Cosa è la sindrome da alluce valgo?

Piede dolorante? Difficoltà a sopportare le scarpe a causa del dolore? Potrebbe essere la sindrome dell’alluce valgo.
Si ha la sindrome dell’alluce valgo quando il primo dito del piede tende a deviare lateralmente verso le altre dita provocando così la sporgenza del primo osso metatarsale.

Dal punto di vista estetico la prima cosa che si nota, oltre alla deviazione stessa, è la formazione della cipolla: una protuberanza che a causa anche dello sfregamento delle scarpe diventa molto fastidiosa. Tale deformazione purtroppo oltre al fastidio, provoca infiammazione e quindi dolore con difficoltà nella scelta delle calzature.

La sindrome dell’alluce valgo può essere particolarmente invalidante in quanto viene compromessa la dinamica del piede e la sua funzione di appoggio. Le cause della formazione dell’alluce valgo possono essere congenite, ad esempio nelle persone che hanno il piede piatto o nelle persone che hanno in famiglia persone con l’alluce valgo, oppure possono essere secondarie. In questo ultimo caso il fattore scatenante può essere sia l’uso di calzature non idonee (scarpe con punta stretta, di taglia piccola, tacchi troppo alti), sia alcune patologie, come l’artride reumatoide, che predispongono a tale formazione.

La sintomatologia purtroppo è abbastanza notevole, in quanto si presenta dolore, possono formarsi callosità, gonfiore, difficoltà a camminare, lussazione. Per questo è bene non sottovalutare il problema già dai primi sintomi, anche perché l’uso di scarpe strette o con il tacco con il tempo peggiora la situazione. Tra le possibili soluzioni, oltre a prodotti antidolorifici che leniscono i sintomi e non risolvono il problema, vi sono particolari tutori, come foot mate, il cui compito è portare l’alluce nella giusta posizione ed evitare quindi la formazione della cipolla, o nel caso in cui si sia formata, riportare in pristino gradualmente la posizione dell’alluce. Questa tipologia di presidio, una volta eseguita la correzione, può essere tolta senza che il problema si ripresenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *