Vi racconto la mia vacanza a Lampedusa

noleggio lampedusa

Oggi mi andava proprio di raccontarvi questa mia esperienza sull’isola più a sud d’Italia e dell’intero continente: Lampedusa, la porta d’Europa. Inizio col dirvi cosa mi ha spinto ad andare in un luogo che negli ultimi anni è stato al centro dell’attenzione mediatica per fatti di cronaca nera, o comunque per notizie non esattamente felici… perché come ormai si sa, Lampedusa è anche (ma non solo, credetemi…) assai famosa per il fenomeno migratorio.
Queste continue notizie negli ultimi anni che hanno messo Lampedusa sotto la luce dei riflettori, mi hanno portato ad informarmi sempre più su questo piccolo pezzo di terra più vicino all’Africa che all’Italia… mi sono appassionato così tanto che ho deciso ad un certo punto di andare a tastare con mano, la realtà di Lampedusa.
Devo dirvi la verità, la decisione finale è arrivata grazie alla testimonianza di alcuni conoscenti che ci sono stati, anzi, ormai hanno preso Lampedusa quasi come una seconda casa… mi hanno parlato della bellezza del mare, del grande senso di accoglienza dei Lampedusani e della sensazione di libertà, spensieratezza e sicurezza che si ha quando ci si trova su quell’isoletta, cose che avevo sempre letto su internet, ma che quando te le senti raccontare da qualcuno che le ha vissute in prima persona, fa sempre un altro effetto!

Viaggio, appartamento e noleggio auto: i punti principali!

  • La prima cosa a cui pensare, è quella di programmare il viaggio, e se vuoi andare a Lampedusa, è una cosa che devi fare già molto anticipatamente. Il mio consiglio è di pensarci da Gennaio/Febbraio se vuoi risparmiare qualcosa, così grazie ai consigli degli amici che mi hanno raccontato i loro viaggi, sono riuscito a prendere i voli aerei a prezzi assolutamente nella media!
  • Dopo aver preso il volo aereo, quello a cui si deve pensare è l’alloggio, se si richiedono particolari servizi, come pulizia giornaliera, cambio asciugamani, wifi e così via, allora è meglio prendere un Hotel, che però ha ovviamente il suo costo maggiorato… se invece, come me, volete risparmiare qualcosa, andate alla ricerca di qualche bel appartamento, dove sicuramente risparmierete e vi troverete benissimo, nella vostra intimità: noi abbiamo preso un bel appartamento in zona di campagna dove veramente non mancava nulla (asciugamani, lenzuola) e addirittura avevamo anche il wifi. Avere una casa al centro o vicino al mare vi farà spendere qualcosa in più, ma tutto sta ai vostri gusti personali e al budget di cui disponete. In ogni caso, non preoccupatevi, anche gli alloggi leggermente fuori mano sono comunque funzionali, come vedrete anche nel prossimo punto, e, molto spesso, anche architettonicamente bellissimi oltre che meno costosi.
  • Terzo elemento molto importante è il noleggio Lampedusa: sia che partiate in famiglia, in coppia o da soli, noleggiare un’auto o uno scooter è fondamentale per muoversi bene sull’isola, ecco perché non ci siamo preoccupati di avere un appartamento in zona di campagna, in 10 minuti con lo scooter riuscivamo a raggiungere il centro e le spiagge! Per cui, Lampedusa è un’isola su cui ci si può muovere facilmente, soprattutto per la sua grandezza ridotta, dove raggiungere qualsiasi luogo richiede pochi minuti.

Cosa abbiamo fatto a Lampedusa

Durante i nostri 10 giorni a Lampedusa sono state due le cose principali a cui ci siamo dedicati: la ricerca di tutti i posti più belli, come spiagge e zone rocciose di mare, e la conoscenza del Lampedusano medio e del suo modo di essere, poiché come ho scritto precedentemente mi sono appassionato alla loro terra e alla loro storia.
Vi elenco, per praticità, prima di tutto i posti in cui siamo stati:

  • La Guitgia, la prima spiaggia, la più vicina al centro e la più semplice da raggiungere, ottima per anziani e famiglie con bambini: bella ma affollata, soprattutto nei periodi centrali della stagione.
  • Cala Croce, Portu N’toni e Cala Madonna; le prime sono delle due piccole calette situate una di fronte all’altra, si raggiungo abbastanza facilmente e sono davvero belle, Cala Madonna invece è situata poco più avanti ed ha una particolare e piccola insenatura stretta che va ad adagiarsi sulla caletta di sabbia, ottima per chi cerca posti un po’ meno affollati!
  • Le baie di Cala Creta e Mare Morto, situate nella zona Est dell’isola, sono delle bellissime zone di scogli, davvero belle, non troppo affollate e adattissime a chi non ama molto la sabbia!
  • Cala Pisana, situata abbastanza vicino alla precedenti, è molto gettonata per i ragazzi perché ha la particolarità di avere una piccola spiaggia non affollatissima e una bella banchina in marmo da dove poter tuffarci, risalendo poi da un’apposita scaletta. Un’altra cala sempre adatta soprattutto anche da chi non ama particolarmente la sabbia!
  • La Spiaggia dei Conigli, signori e signori, sì, la Spiaggia e il mare più belli che abbia mai visto, inutile spiegarmi a parole, non basterebbero, andate di persona e guardate con i vostri occhi.
  • Cala Pulcino, situata dopo la Spiaggia dei Conigli, raggiungibile a piedi grazie ad una discesa di circa 45 minuti tra la vegetazione molto bella, per chi ama le escursioni nella natura, ne vale assolutamente la pena! Ma non disperate comunque, nel caso in cui non voleste fare queste discesa, ci si può andare anche in barca, a differenza dell’Isola dei conigli, zona vietata alle barche poiché riserva naturale di Legambiente.
  • La Tabaccara, la “piscina naturale” e mai nome fu più adatto, ci si va solamente in barca, e se si vuole fare il bagno tra i pesci e riuscire a vedere le ombre delle barche sul fondale… è per questo che si dice che lì le barche “volino”.

Il modo migliore per ammirare tutte le bellezze di Lampedusa, in ogni caso, è sicuramente il giro in barca. Molti lampedusani offrono ai turisti questa esperienza a un prezzo più che abbordabile e offrendo anche un pranzo a base di pesce fresco a bordo. Durante questo giro abbiamo visto molte grotte dall’acqua cristallina, la zona del “muro vecchio” e di Ponente.
La zona di Ponente è raggiungibile anche in auto. Da lì ammirerete uno dei panorami più affascinanti della vostra vita.

Per quanto riguarda la sera, si può dire che i divertimenti non sono molti, non esistono delle vere e proprie discoteche, ma le serate giuste esistono. Sono organizzate prettamente sulla spiaggia, sotto le stelle. Una capatina non ve la fate scappare! In genere, comunque, i turisti e i lampedusani si riversano per la notte nel centro, allo “struscio” di via Roma, dove bar, rosticcerie, pub e negozietti rimangono aperti fino a tardi.

La conoscenza del Lampedusano medio è andata bene, ma non come avrei sperato… solo perché non gli abbiamo dedicato molto tempo, troppo impegnati tra le varie cose!
Quello che abbiamo capito è che è un popolo veramente accogliente, oltre che leale e anche, purtroppo, un po’ stanco… ormai da troppi anni vengono usati da terze persone come mezzo per fare successo nelle proprie carriere, a loro detta infatti “chi va a fare il senatore in parlamento, chi fa carriera nella marina militare, chi diventa regista cinematografico a livello internazionale… a noi cosa resta?” Anche loro vorrebbero i riconoscimenti che meritano.

Ho cercato di riassumervi al meglio quello che è stata la mia vacanza assieme a due amici, a chi balzasse in mente l’idea… chiedetemi tranquillamente un consiglio, sarò pronto ad aiutarvi ed indirizzarvi!